Diario russofobico | CeceniaSOS | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

CeceniaSOS [ Un blog sul conflitto in Cecenia. Un osservatorio sulla Russia, il Caucaso e i dintorni. ]
 


 

Prima del crollo dell'URSS

Il primo conflitto russo-ceceno:
la guerra di Eltsin


Il secondo conflitto russo-ceceno:
la guerra di Putin


Alcune cose da sapere

La situazione in pillole

I cinque miti sulla Cecenia:
IIIIIIIV - V

Referendum, elezioni ed amnistie in Cecenia

Al-Qaeda e il terrorismo ceceno: mito e realtà

Immagini dall'inferno ceceno

Sezioni d'informazione in italiano
   
Partito Radicale Transnazionale
   Forum radicale sulla Cecenia
   PeaceReporter
   Peacelink
   Warnews

Un genocidio nel cuore d'Europa

L'appello di Adriano Sofri

In ricordo di Antonio Russo

Tesi di Laurea/Master e rapporti di ONG sulla Cecenia (.pdf/.doc su richiesta):

"La dimensione internazionale del conflitto separatista tra Russia e Cecenia nel contesto
post-sovietico"


Analisi del ruolo del petrolio nel Dagestan post-sovietico

La guerra asimmetrica nel contesto dei nuovi conflitti.
Caso studio: Le guerre in Cecenia

"The current Russian nuclear policy"

"Cecenia: una guerra senza fine tra il neoautoritarismo post-sovietico in Russia e lo scontro geopolitico nel Caucaso"

"Organizzazioni non governative e tutela dei diritti umani: l'esempio di Memorial in Cecenia"


APM: "Genocidio strisciante in Cecenia"


Firma l'appello per un'amministrazione provvisoria delle Nazioni Unite in Cecenia!

(Il piano di pace dell'ex governo di Maskhadov, chiede il disarmo dei guerriglieri ceceni, il ritiro delle truppe russe ed una amministrazione provvisoria della Cecenia sotto l'egida dell'ONU, come è avvenuto per il Kossovo e Timor Est, e che possa finalmente condurla alla pace, all'ordine, alla democrazia, la libertà e infine all'indipendenza o almeno ad un'ampia autonomia. Per maggiori informazioni clicca qui.)

Popoli oppressi: unitevi!

  Italian Blogs for Darfur

Appello per l'Iran libero e democratico

    

Montagnard Foundation
  

           Free Tibet


 

 

 

 

 

   
         Free Cuba





    Free East Turkistan




Human Rights in North Korea

          

   Unrepresented Nations
and Peoples Organization

          


2 luglio 2010


Diario russofobico

Interessante la spy story russa svelata dal FBI. E perfino con tanto di sexy spia, l'avvenente Anna Chapman. Tutto questo per il momento a molti sembrerà del materiale da gossip, buono per il prossimo film di James Bond, al più un incidente che passerà.

E invece è solo la punta dell'iceberg e lascerà delle conseguenze. Naturalmente si può continuare a non volere vedere che la cosa è seria (p.es. dicendo che "quanto al spiare così fan tutti"). Si può continuare ad essere iper-tolleranti con gli intolleranti facendo finta di non vedere le vittime innocenti che questi intolleranti intanto continuano ad arrestare, torturare, uccidere. Tutto questo nella vana speranza di poterli portare a più miti consigli e azioni sperando in cambio favori e scambi geopolitici, economici. Si può continuare a parlare di salvare le relazioni con Mosca e non vedere che in Russia i buoni rapporti con l'occidente non interessano. Chéché ne dicano gli esperti "analisti" di turno che vedono solo gli aspetti superficiali delle nazioni ma poi sono ciechi allo Spirito che le muove e che, malgrado le continue evidenze lampanti, rimangono inossidabili nel ripetere che la guerra fredda sarebbe finita. E invece quel che non vedono è che quando si tratta di politica estera, quello che più rode l'anima e guida le decisioni della gerarchia dell'ex KGB, e sostenuta da larghissimi strati sociali dell'ex URSS, non è tanto il denaro. E' invece il fatto che non si è digerita la sconfitta della guerra fredda, non si accetta l'idea che nel secolo scorso ci si è schierati dalla parte sbagliata. E oggi questo rifiuto si esplicita in un risentimento ed in un irrefrenabile desiderio di rivalsa contro l'occidente e tutto quello che lo rappresenta. E' questo pensiero, anche se più o meno subliminale, che predomina su tutto, anche sugli interessi economici. E' l'odio verso i nemici americani e il modello occidentale in sè, che è totale, onni-pervasivo, alveolare, e che deve avere la precedenza su tutto. Perché questi devono essere sconfitti. Ad ogni costo. Costi quel che costi, anche se necessiterà perdite materiali. Le buone relazioni  con Washington non le vogliono, anzi le temono, e piuttosto si limitano a simularle. Le simulano non solo (e forse neppure poi tanto) perché sperano di ottenere il più possibile da esso, ma perché pensano di potere usare la facciata delle "buone relazioni" come esca, come richiamo di una sorta di Fata Morgana per prendere tempo mentre cercano di dirottarlo verso luoghi dove poi gli sarà più facile giocarci prima e pugnalarlo alla schiena poi (con il beneplacido dell'ONU, della Cina, e magari via "collaboratori" infiltrati vicini ad Obama, il quale incomincerà a non capirci più niente). Specialmente per quanto riguarda l'Iran e il Medioriente. Si potranno pigiare tutti i "tasti di reset" che si vogliono, ma loro ci riproveranno. E il continuare a non volere vedere che questa è la situazione mentale, culturale, psichica, spirituale in cui versa la Russia post-sovietica, e che da quella non la si potrà smuovere con le buone maniere, non è solo un atteggiamento irrealistico, infantile, semplicemente stupido, ma purtroppo anche molto pericoloso.




permalink | inviato da CeceniaSOS il 2/7/2010 alle 22:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        agosto
 
rubriche
Diario

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Comitato per la Pace nel Caucaso
Russia sconosciuta
Osservatorio sul Caucaso
Caucasian Knot
Studisenzafrontiere
Progettohumus
Mondoincammino
Forum radicale sulla Cecenia
Kavkaz Center
Paolo Guzzanti
Interfax
Ria-Novosti
Itar Tass
Travel-Georgia
Georgien
Kaukasus
Etudes sans frontières - Tchétchénie
Caucasus-pictures
Progetto Kavkas
Politkovskaja: il blog
Ania
Serghei24
La Vita Leggera
Siberiano
Siberian Light
Registan
Viaggio all'inferno
Glucksmann file
Russiablog
Russia-Italia
Samovar
Russianitaly
Ragoburgo
Ragoburgo.it
Poganka
Il Cordigliere
Jimmomo
Le Guerre Civili
Nessuno tocchi Caino
Associazioneaglietta
Sannita
Il Salotto
Panther
Stanza di Montag
Itablogsforfreedom
Musica russa
Viaggio in Russia
Le Ragazze russe
Germanynews
Bhtimes
1972
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom