A. Politkovskaya: "Nel paese c'è un nuovo movimento: i soldi che tornano indietro" | CeceniaSOS | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

CeceniaSOS [ Un blog sul conflitto in Cecenia. Un osservatorio sulla Russia, il Caucaso e i dintorni. ]
 


 

Prima del crollo dell'URSS

Il primo conflitto russo-ceceno:
la guerra di Eltsin


Il secondo conflitto russo-ceceno:
la guerra di Putin


Alcune cose da sapere

La situazione in pillole

I cinque miti sulla Cecenia:
IIIIIIIV - V

Referendum, elezioni ed amnistie in Cecenia

Al-Qaeda e il terrorismo ceceno: mito e realtà

Immagini dall'inferno ceceno

Sezioni d'informazione in italiano
   
Partito Radicale Transnazionale
   Forum radicale sulla Cecenia
   PeaceReporter
   Peacelink
   Warnews

Un genocidio nel cuore d'Europa

L'appello di Adriano Sofri

In ricordo di Antonio Russo

Tesi di Laurea/Master e rapporti di ONG sulla Cecenia (.pdf/.doc su richiesta):

"La dimensione internazionale del conflitto separatista tra Russia e Cecenia nel contesto
post-sovietico"


Analisi del ruolo del petrolio nel Dagestan post-sovietico

La guerra asimmetrica nel contesto dei nuovi conflitti.
Caso studio: Le guerre in Cecenia

"The current Russian nuclear policy"

"Cecenia: una guerra senza fine tra il neoautoritarismo post-sovietico in Russia e lo scontro geopolitico nel Caucaso"

"Organizzazioni non governative e tutela dei diritti umani: l'esempio di Memorial in Cecenia"


APM: "Genocidio strisciante in Cecenia"


Firma l'appello per un'amministrazione provvisoria delle Nazioni Unite in Cecenia!

(Il piano di pace dell'ex governo di Maskhadov, chiede il disarmo dei guerriglieri ceceni, il ritiro delle truppe russe ed una amministrazione provvisoria della Cecenia sotto l'egida dell'ONU, come è avvenuto per il Kossovo e Timor Est, e che possa finalmente condurla alla pace, all'ordine, alla democrazia, la libertà e infine all'indipendenza o almeno ad un'ampia autonomia. Per maggiori informazioni clicca qui.)

Popoli oppressi: unitevi!

  Italian Blogs for Darfur

Appello per l'Iran libero e democratico

    

Montagnard Foundation
  

           Free Tibet


 

 

 

 

 

   
         Free Cuba





    Free East Turkistan




Human Rights in North Korea

          

   Unrepresented Nations
and Peoples Organization

          


30 gennaio 2005


A. Politkovskaya: "Nel paese c'è un nuovo movimento: i soldi che tornano indietro"

Anna Politkovskaja

Novaja Gazeta 27 gennaio 2005

"Nel paese c'è un nuovo movimento: i soldi che tornano indietro"
Le madri dei soldati morti in Cecenia rimandano a Putin 150 rubli


Le madri dei soldati morti in Cecenia, prive di agevolazioni, volontariamente spediscono a Putin quei 150 rubli in moneta che hanno ricevuto in Gennaio dalle teste incessantemente pensanti del nostro governo.
Cosa se ne possono fare di 150 rubli? Il governo russo, il parlamento, le strutture presidenziali, l'esercito di governatori e di sindaci, tutti coloro che non sono semplici cittadini del nostro paese, sono convinti che siano tanti.
Altrimenti, come si può spiegare quello che sta succedendo?
Fino al primo gennaio le madri, che hanno dato la vita dei propri figli per la realizzazione di quella politica del Caucaso Settentrionale di cui siamo testimoni ormai da più di dieci anni, godevano di qualche attenzione da parte del bilancio statale e in base alla legge 21 "sui veterani" potevano avere cure gratuite, utilizzare trasporti pubblici gratis, una volta all'anno comprare a metà prezzo i biglietti per treno, aereo e piroscafo, anche ripagare per metà il conto del telefono e della televisione, avevano il diritto di ricevere in soluzione unica i crediti a tasso agevolato e appezzamenti di terra gratis…
Oggi il governo incanta la società, e non applica tutte queste agevolazioni, "bisogna dirigere l'ordine nei nostri interessi".
Le applicavano, moltissime madri di soldati uccisi le avevano e, in questo modo, potevano provare almeno una piccolissima consolazione per quello che era accaduto per colpa della tragedia dello stato…
Ora che il mostro della legge 122 ha di fatto sospeso l'effetto della legge sui veterani, le madri ricevono in cambio la suddetta distinta da 150 rubli.
Certamente questa è un'umiliazione, un'offesa, una presa in giro, un atteggiamento menefreghista nei confronti di quelle madri private di una persona cara.
In questo caso non ci sono parole.
Ma come è potuto succedere tutto ciò? In uno stato che lotta eternamente per il titolo di Grande Potenza?
Penso che la spiegazione sia semplice.
Potevano fare una tale porcheria a quelle madri solo coloro che, in virtù di quella vita che conducono, hanno perso la comprensione della differenza tra 150 rubli e 150 dollari. Per loro i soldi frusciano continuamente, e al colore dei soldi non fanno più attenzione. È curioso che proprio questi signori amino parlare della grandezza della potenza.
Sono coloro che decidono di dare pane e non formaggio, coloro che brindano alla salute di quella grande potenza che essi stessi servono.
Ma voi leggete di tanto in tanto di grandi potenze, che sempre hanno continuato ad essere grandi ma che si dimenticano degli obblighi nei confronti dei loro cittadini? Io no.
E nei confronti di queste madri il paese è in obbligo, è un fatto incontestabile.
Come si può parlare di grandezza quando in cambio si hanno quei miseri 150 rubli, un'umiliante elemosina?
Oggi si parla molto del fatto che, in un paese povero, l'approvazione di una legge discriminante, come la 122, in via di principio non poteva aver luogo in queste condizioni in cui noi l'abbiamo realizzata.
Perché oggi queste madri gridano da straziare l'anima per quegli offensivi 150 rubli? Perché la verità è che il paese, per la maggior parte, fa la guerra in Cecenia con i corpi dei figli delle famiglie povere.
Spesso di quelle famiglie dove la madre è sola.
Le persone agiate e perfino relativamente influenti nel nostro paese sanno proteggere i loro figli dalla disgrazia dell'esercito.
Ed ecco che quelle madri, che avevano riposto tutte le speranze del loro futuro nel crescere i figli, hanno ricevuto solo la loro bara.
E poi hanno ricevuto un gesto di sprezzo invece di un qualche rispetto da parte del Governo (e quel rispetto, almeno un poco, che prima era manifestato nelle naturali agevolazioni…)
Si, povera la nostra gente. Ma, scusatemi, anche fiera.
Non appena arrivò il fondo "Diritto delle madri", Galina Michajlovna Efimova, da Krasnojarsk, madre di un soldato ucciso, telefonò con un'unica domanda: "a quale indirizzo posso mandare a Putin questi 150 rubli?".
Galina Michajlovna non desidera tenerli per sé.
Anche le mamme di Togliattigrad, alle quali la Cecenia ha tolto i figli, hanno volontariamente aderito.
Il movimento dei "soldi che tornano indietro" cresce.
Esse sanno benissimo che i 150 rubli sono un bluff totale e significa che possono mandare e vogliono rimandare i 150 rubli, naturalmente senza inconvenienti per il loro portafoglio.
Tuttavia, la coscienza ritorna sempre al ricordo del proprio figlio ucciso.
La seccatura sta solo in una cosa: sembra che non ci sia un indirizzo dove mandare indietro i soldi a Putin.
Ci sono molti posti a cui mandarli, e si possono disegnare molti striscioni su questo tema.
Ma l'indirizzo preciso di Putin non c'è.
L'indirizzo giuridico, l'amministrazione presidenziale, al Cremlino, è molto generico e significa che il vaglia dei soldi non arriva fino a colui che le madri desiderano sopraffare con i loro sussidi. La disgustosa riforma di agevolazioni, come vediamo, trascina con sé una gran quantità di novità, e noi conosciamo queste cose sul nostro governo solo nello svolgersi dei fatti.
Una di queste cose è la mancanza dell'indirizzo dell'ELETTO, ma questa è solo una piccolezza, come sottolinea la completa mancanza di comunicazioni contrarie del potere e dello stato. Se l'ELETTO non ha un indirizzo, forse che lui viva sulla Luna?
Che sia proprio questo il problema?

Traduzione di Chiara Zambrini [a cui va un particolare ringraziamento da parte del curatore del blog]




permalink | inviato da il 30/1/2005 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
rubriche
Diario

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Comitato per la Pace nel Caucaso
Russia sconosciuta
Osservatorio sul Caucaso
Caucasian Knot
Studisenzafrontiere
Progettohumus
Mondoincammino
Forum radicale sulla Cecenia
Kavkaz Center
Paolo Guzzanti
Interfax
Ria-Novosti
Itar Tass
Travel-Georgia
Georgien
Kaukasus
Etudes sans frontières - Tchétchénie
Caucasus-pictures
Progetto Kavkas
Politkovskaja: il blog
Ania
Serghei24
La Vita Leggera
Siberiano
Siberian Light
Registan
Viaggio all'inferno
Glucksmann file
Russiablog
Russia-Italia
Samovar
Russianitaly
Ragoburgo
Ragoburgo.it
Poganka
Il Cordigliere
Jimmomo
Le Guerre Civili
Nessuno tocchi Caino
Associazioneaglietta
Sannita
Il Salotto
Panther
Stanza di Montag
Itablogsforfreedom
Musica russa
Viaggio in Russia
Le Ragazze russe
Germanynews
Bhtimes
1972
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom