CeceniaSOS | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

CeceniaSOS [ Un blog sul conflitto in Cecenia. Un osservatorio sulla Russia, il Caucaso e i dintorni. ]
 


 

Prima del crollo dell'URSS

Il primo conflitto russo-ceceno:
la guerra di Eltsin


Il secondo conflitto russo-ceceno:
la guerra di Putin


Alcune cose da sapere

La situazione in pillole

I cinque miti sulla Cecenia:
IIIIIIIV - V

Referendum, elezioni ed amnistie in Cecenia

Al-Qaeda e il terrorismo ceceno: mito e realtà

Immagini dall'inferno ceceno

Sezioni d'informazione in italiano
   
Partito Radicale Transnazionale
   Forum radicale sulla Cecenia
   PeaceReporter
   Peacelink
   Warnews

Un genocidio nel cuore d'Europa

L'appello di Adriano Sofri

In ricordo di Antonio Russo

Tesi di Laurea/Master e rapporti di ONG sulla Cecenia (.pdf/.doc su richiesta):

"La dimensione internazionale del conflitto separatista tra Russia e Cecenia nel contesto
post-sovietico"


Analisi del ruolo del petrolio nel Dagestan post-sovietico

La guerra asimmetrica nel contesto dei nuovi conflitti.
Caso studio: Le guerre in Cecenia

"The current Russian nuclear policy"

"Cecenia: una guerra senza fine tra il neoautoritarismo post-sovietico in Russia e lo scontro geopolitico nel Caucaso"

"Organizzazioni non governative e tutela dei diritti umani: l'esempio di Memorial in Cecenia"


APM: "Genocidio strisciante in Cecenia"


Firma l'appello per un'amministrazione provvisoria delle Nazioni Unite in Cecenia!

(Il piano di pace dell'ex governo di Maskhadov, chiede il disarmo dei guerriglieri ceceni, il ritiro delle truppe russe ed una amministrazione provvisoria della Cecenia sotto l'egida dell'ONU, come è avvenuto per il Kossovo e Timor Est, e che possa finalmente condurla alla pace, all'ordine, alla democrazia, la libertà e infine all'indipendenza o almeno ad un'ampia autonomia. Per maggiori informazioni clicca qui.)

Popoli oppressi: unitevi!

  Italian Blogs for Darfur

Appello per l'Iran libero e democratico

    

Montagnard Foundation
  

           Free Tibet


 

 

 

 

 

   
         Free Cuba





    Free East Turkistan




Human Rights in North Korea

          

   Unrepresented Nations
and Peoples Organization

          


29 agosto 2010


Battaglia nel villaggio di Kadyrov

Stando alle agenzie russe sono 19 i morti nella battaglia a Tsentoroi, il villaggio del presidente ceceno Kadyrov, che ha visto confrontarsi Kadyroviti e guerriglia: link, link, linklink, link.





permalink | inviato da CeceniaSOS il 29/8/2010 alle 16:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


28 agosto 2010


Daghestan in fiamme

In Daghestan non c'è giorno che passi senza attentati, sparatorie e morti: link, link, link, link, link, link, link, link, link. Nelle operazioni viene ucciso Vagabov, la presunta mente degli attentati al metrò di Mosca, e presunto marito di una delle vedove nere kamikaze e braccio destro di Umarov: link, link. Questo secondo le casse di risonanza del Cremlino. Mentre la verità qui non è di casa.... Infatti è una cosa del tutto usuale da quelle parti rapire, torturare e fare "sparire" ventenni per poi mostrarne i corpi come trofei alla TV e decantare i successi nella "lotta al terrorismo": link.

Anche nella "democratica" Georgia di Saakashvili poeti e attivisti non hanno vita facile: link.

Ceceni e ingusheti "spariscono" dalla "democraticissima" Belgio: link.

Interessante profilo e intervista alla Lidya Yusupova: link.


Nella "democraticissima" Austria si emanano ordini di cattura per i presunti assassini di Ismailov, ma naturalmente ci si guarda bene dal incriminare il presidente ceceno Kadyrov che ne è notoriamnte il mandante: link. Meglio non dargli fastidio... E ne sanno qualcosa i suoi ex nemici. Riferisce Matteo Mazzoni: link. Intanto, c
hi sa che verrà deportato in Russia si suicida: link. Dello stesso un resoconto su quella organizzazione criminale e corrotta che sono i servizi segreti russi: link.

In Cecenia sono guai per chi non chiude per il Ramadan: link. Questo quanto per la lotta contro il radicalismo islamico del governo russo....

Il 75% dei russi crede che il terrorismo possa essere sconfitto solo con la violenza: link. Ma in Russia non ci sono dibattiti pubblici sul tema. E questo fa una differenza...





permalink | inviato da CeceniaSOS il 28/8/2010 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 agosto 2010


Cecenia e dintorni...

Ennesima spaccatura sul fronte della guerriglia cecena. La lotta di potere tra le fazioni si intensifica e si forma un gruppo con a capo Aslambek Vadalov che si distanzia dalle ultime dichiarazioni di Doka Umarov che aveva prima dato le dimissioni e poi le ritira: link, link. La confusione impera, confusione probabilmente orchestrata ad arte dai russi che hanno ovviamente da guadagnarci. Ma oltre all'aggiungere caos al caos non servirà a miglioare le condizioni nè degli uni né degli altri.

Il gruppo di Zakayev mette le mani in avanti. I russi starebbero per mettere in atto un grosso attentato terrosistico la cui responsabilità faranno ricadere sui ceceni, magari con l'aiuto di Dokka Umarov & co. che lo rivendicheranno, e da cui fin d'ora dichiarano di prenderne le distanze: link.

E c'è da credergli, visto come sono andate le cose in passato. Perché le recenti figuracce delle autorità russe nel gestire il disastro degli incendi potrebbe indurre qualcuno, dal Cremlino in giù, nell'organizzare qualche attentato terroristico per riproporsi come eroe nazionale attorno a cui coagulare la nazione. E mentre intanto (il piromane) Putin ci prova presentandosi ai media come pilota sugli aerei ad estinguere incendi c'è da chiedersi se il governo russo continuerà a sostenere a spada tratta (e con tanto di pirateria informatica:
link) la lobby scettico-negazionista del riscaldamento globale?

Intanto i russi schierano le batterie di missili in Abkhazia: link. Nulla di strano, semmai c'è da meravigliarsi perché non l'abbiano fatto prima? Probabilmente hanno aspettato che Obama ritirasse il progetto dello scudo missilistico in Polonia e firmasse l'accordo Start per poi ringraziare....

La mano iraniana nell'assassinio a Dubai dell'avversario di Kadyrov, Sulim Yamadayev: link. Sarebbe ingenuo credere che le collaborazioni russo-iraniane si limitino a qualche banda di sicari.

Un riassunto che ben descrive a che cosa si sia ridotta la condizione delle donne in Cecenia dopo l'invasione russa. Lo spunto è la partica degli esorcismi secondo l'Islam tradizionale ceceno di Ramzan Kadyrov:
link.

Un anno è passato dall'assasinio di Zarema Sadulayeva: link, link.

Kadyrov viene eletto pure a presidente della federazione degli scacchi del Nord Caucaso: link. E' tipico di chi ha una mentalità fascistoide-dittatoriale il non sapere distinguere tra ciò che gli è funzionale e ciò che lo mette in ridicolo.


La Farnesina sconsoglia viaggi nel Caucaso: link.




permalink | inviato da CeceniaSOS il 10/8/2010 alle 9:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


8 agosto 2010


Doka Umarov smentisce...

Quell'annuncio in qui rassegnava le dimissioni sarebbe un falso: link, link, link, link, link, link. C'è da credergli, ma si pone il problema se fu un falso fabbricato senza oppure con il suo consenso? Tutto ciò è solo indicativo di quanta menzogna su menzogna si sia ormai stratifica in territorio russo e come sia stupido concedere fiducia a chiunque, dagli "emiri caucasici" a chi siede nelle stanze del Cremlino.





permalink | inviato da CeceniaSOS il 8/8/2010 alle 16:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


1 agosto 2010


Doka Umarov va in... "pensione"

E nomina Aslambek Vadalov suo successore a capo del cosiddetto "Emirato del Caucaso": link. Ufficialmente per ragioni di salute (e c'è un po' da crederlo, fatti 10 anni di vita nella foresta, per lo più da impasticcato, come molti vociferavano... ha 46 anni e ne mostra 60). Ma la verità è probabilmente altra.... Non c'è però motivo di credere che per questo ci saranno grandi cambiamenti. Vadalov era già un integralista islamico convinto fin dai tempi di Maskhadov, figurarsi ora. E comunque sia, la situazione della Cecenia e del Caucaso del Nord non miglioreranno certo per un avvicendamento di qualche personaggio.




permalink | inviato da CeceniaSOS il 1/8/2010 alle 21:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio       
 
rubriche
Diario

cose
Ultime cose

Il mio profilo
da vedere
Comitato per la Pace nel Caucaso
Russia sconosciuta
Osservatorio sul Caucaso
Caucasian Knot
Studisenzafrontiere
Progettohumus
Mondoincammino
Forum radicale sulla Cecenia
Kavkaz Center
Paolo Guzzanti
Interfax
Ria-Novosti
Itar Tass
Travel-Georgia
Georgien
Kaukasus
Etudes sans frontières - Tchétchénie
Caucasus-pictures
Progetto Kavkas
Politkovskaja: il blog
Ania
Serghei24
La Vita Leggera
Siberiano
Siberian Light
Registan
Viaggio all'inferno
Glucksmann file
Russiablog
Russia-Italia
Samovar
Russianitaly
Ragoburgo
Ragoburgo.it
Poganka
Il Cordigliere
Jimmomo
Le Guerre Civili
Nessuno tocchi Caino
Associazioneaglietta
Sannita
Il Salotto
Panther
Stanza di Montag
Itablogsforfreedom
Musica russa
Viaggio in Russia
Le Ragazze russe
Germanynews
Bhtimes
1972
cerca
me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom